Municipio


Atti e Documenti


Servizi al Cittadino


Servizi on line


Cultura e associazioni


Territorio


Amministrazione trasparente

CONTROLLI SULLE IMPRESE

(Pubblicazione ai sensi del D.Lgs 33 del 14 marzo 2013 - art. 25)


Tipo di attività Tipologia di controllo Normativa Obblighi e adempimenti Criteri e modalità
Commercio al dettaglio in sede fissa, esercizi di vicinato, medie e grandi strutture, centri commerciali Controlli sulle autocertificazioni dei requisiti morali, richiesta dati alla Procura della Repubblica, alla Prefettura. Controlli sulle autocertificazioni dei requisiti professionali, richiesta dati all'INPS.
Controlli sulle osseverazioni in materia tecnica (confronto con SUAP e ufficio tecnico per verifica della destinazione d'uso dei locali e dell'area di vendita).
D. Lgs. 114/98 e s.m.i.
Legge Regionale 28/1999 e s.m.i.
Deliberazione di Consiglio Regionale n. 563-13414 del 29 ottobre 1999 e s.m.i.
D. Lgs. 59/2010 e s.m.i.
Legge 241/90 e s.m.i.
Fornire dichiarazioni veritiere nell'ambito durante la compilazione e presentazione di: SCIA, richieste e comunicazioni. Per ogni SCIA o richiesta presentata e a seconda della tipologia viene accertato il possesso dei requisiti morali, professionali, urbanistici, sanitaria, ecc.
Commercio al dettaglio in sede fissa, esercizi di vicinato, medie e grandi strutture, centri commerciali Controllo su presenza autorizzazioni.
Controllo su presenza, indicazioni e rispetto orari. Controllo su esposizione nelle vetrine ed all'interno dei locali con attenzione alle problematiche delle “Vetrine” in allestimento. Controllo della corretta esposizione dei pressi durante le vendite promozionali (prezzo iniziale, percentuale di sconto, prezzo finale). Controllo sull'effettuazione di sconti o promozioni nel mese antecedente la data prevista per i saldi estivi ed invernali in quanto vietati. Controllo in merito ad eventuali occupazioni suolo pubblico abusiva.
D. Lgs. 114/98 e s.m.i.
Legge Regionale 28/1999 e s.m.i.
Deliberazione di Consiglio Regionale n. 563-13414 del 29 ottobre 1999 e s.m.i.
D. Lgs. 59/2010 e s.m.i.
Legge 241/90 e s.m.i.
Si precisa che con la nuova legge sulle liberalizzazioni commerciali introdotta dal Governo Monti tutti gli esercizi commerciali non hanno limiti di orari e possono effettuare promozioni, sconti, vendite promozionali senza dover più darne alcuna comunicazione, ma, tuttavia, va ricordato che le stesse, se effettuate prima dei saldi invernali o estive, sono in contrasto con quanto previsto dalla normativa regionale.
Resta ammessa solo la possibilità di vendite di liquidazione se comunicate nei modi e termini previsti.
Controllo effettuato con la Polizia Municipale. In seguito avvio del procedimento finalizzato alla sospensione dell'attività
Esercizi pubblici per somministrazione di alimenti e bevande Controlli sulle autocertificazioni dei requisiti morali, richiesta dati alla Procura della Repubblica, alla Prefettura. Controlli sulle autocertificazioni dei requisiti professionali, richiesta dati all'INPS.
Controlli sulle asseverazioni in materia tecnica (confronto con SUAP e ufficio tecnico per verifica della destinazione d'uso dei locali e dell'area di vendita).
Controlli sui requisiti di sorvegliabilità. Verifica possesso attestato corso obbligatorio triennale aggiornamento titolari/preposti.
Legge Regionale n. 38/2006 e Testo Unico leggi di Pubblica Sicurezza Fornire dichiarazioni veritiere.
Effettuare aggiornamento triennale, iscrivendosi e superando corso di 16 ore organizzato da enti riconosciuti e produrre relativo attestato al Comune.
Tutti i casi. Viene richiesto all'interessato di produrre attestato.
Nel caso di mancata consegna si effettua controllo da parte della Polizia Municipale, in seguito avvio procedimento finalizzato alla sospensione dell'attività.
Commercio su area pubblica Verifica regolarità contributiva INPS/INAIL e FISCALE D.G.R. 20-380 del 2010 e s.m.e.i. Produrre ad uno dei Comuni che ha rilasciato l'autorizzazione per commercio su aree pubbliche la documentazione necessaria per effettuare il controllo e rilasciare/vidimare il VARA (ricevuta trasmissione telematica Unico, numero e posizione INPS e INAIL) Tramite richiesta d'ufficio del DURC (con modalità telematiche) o di certificazione INPS (direttamente alla sede).
Per gli operatori che richiedono il VARA in un altro comune ne viene verificato il possesso.
Commercio su aree pubbliche in forma itinerante Verifica effettivo inizio attività D.Lgs. 114/98 – L.R. 28/99 Iscriversi alla Camera di Commercio entro 180 gg. dal rilascio dell'autorizzazione. Trascorsi 180 gg. viene richiesto di produrre da parte dell'interessato, copia della visura camerale attestante l'avvenuta iscrizione in Camera di Commercio.
Rilascio autorizzazioni di occupazioni suolo pubblico Verifica pagamento TOSAP Regolamento Comunale Provvedere al pagamento della TOSAP Le occupazioni vengono richieste e autorizzate dalla Polizia Municipale.
Attività di estetica e acconciatori Controllo su indicazione e rispetto orari, esposizione prezzi, obbligo di presenza in sede di direttore tecnico Regolamento Comunale Rispetto del Regolamento Comunale Va precisato che trattandosi di attività artigianale le stesse non beneficiano delle riforme introdotte dalla legge sulle liberalizzazioni e quindi rimangono soggette ai vincoli di orario e chiusura previsti dal Regolamento Comunale.
Circoli privati Controlli sulle autocertificazioni dei requisiti morali, richiesta dati alla Procura della Repubblica, alla Prefettura.
Controlli sui requisiti di sorvegliabilità. Controlli periodici in merito alla clientela che fruisce della somministrazione.
D.P.R. 4 aprile 2010 n. 235
Legge Regionale 38/2006 e s.m.i.
D.G.R. 08 febbraio 2010 n. 85-13268
Legge 241/90 e s.m.i.
R.D. 18 giugno 1931 n. 773
T.U.L.P.S
.
Rispetto delle norme Possono fruire della somministrazione solo i soci tesserati

 


Amministrazione traspente
Imposte, Tasse, Tributi
Sportello Unico AttivitÓ Produttive
Consorzio di bacino basso novarese
Nubendi
Archivio Storico
cinque per mille
Wi-Fi
Consorzio Casa di Vacanze
cinque per mille
CISA Ovest Ticino